menu EN
top_img

La Star 2014: la tartaruga Ari

La novità 2014: la tartaruga Ari

Star 2014 dell'Acquario di Livorno è "Ari", uno splendido esemplare di tartaruga verde arrivata l'anno scorso a far compagnia a "Cuba",  già protagonista della struttura nella campagna 2013.

 

 

Come "Cuba", anche "Ari" - un esemplare femmina di tartaruga verde - ha una storia originale. L'animale è stato trafugato, appena nato, nel 1991 da un turista italiano in vacanza alle Maldive, proprio dall'atollo Ari dal quale ha preso il nome, ed è stata in seguito abbandonata presso il Delfinario di Riccione. Affidata al Servizio CITES del Corpo Forestale dello Stato, "Ari" è stata poi consegnata all'Acquario di Genova. Ai tempi della consegna pesava circa 11 kg.

 

Oggi "Ari" ha un peso stimato di circa 180kg, una lunghezza dalla testa alla coda di 160 cm. Ogni giorno l'esemplare si ciba di 2,5kg di verdure, tra radicchio ed insalata, ed i 1,5kg di molluschi e crostacei.

Sia "Ari" che "Cuba" sono animali importati illegalmente, sequestrati dal Servizio CITES del Corpo Forestale dello Stato ed affidati prima all'Acquario di Genova, ed in seguito all'Acquario di Livorno.

 

Chelonia mydas

Da Aprile 2014 all'Acquario di Livorno è possibile ammirare due splendidi esemplari di tartaruga verde.

In generale la tartaruga verde (Chelonia mydas) può superare i 125 cm di lunghezza e raggiungere fino a 230 kg di peso. Il carapace ha un colore che varia tra il verde ed il nero, mentre il piastrone è di colore giallastro.

Come nella tartaruga comune la testa, larga anche 15 centimetri, è ricoperta da squame cornee. Soprattutto negli Stati Uniti la tartaruga verde è stata a lungo cacciata per scopi commerciali ed in alcune zone la sua popolazione si è fortemente ridotta.

 

C.I.T.E.S.

E' la convenzione di Washington che monitora e regolamenta il commercio nazionale ed internazionale di esemplari e prodotti derivati da specie animali e vegetali minacciate di estinzione per scongiurarne l'estinzione.  Compresa nell'attività del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP), la convenzione è entrata in vigore in Italia nel 1980, ed è attualmente applicata da 175 Stati.

 

In Italia l'attuazione della Convenzione di Washington è affidata al Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, al Ministero dello Sviluppo Economico e Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Quest'ultimo, attraverso il servizio CITES del Corpo Forestale dello Stato, cura la gestione amministrativa ai fini della certificazione e del controllo tecnico-specialistico per il rispetto della Convenzione.

 

L'Acquario di Genova - Costa Edutainment S.p.A. collabora da sempre con il Corpo Forestale dello Stato Servizio CITES per l'affidamento di animali protetti in difficoltà ed il recupero e l'accoglienza degli animali importati illegalmente e sequestrati.

 

Torna su