menu EN
top_img
santuario

Montenero

Acquario di Livorno Montenero

13.11.2017
Montenero è un elegante e famoso quartiere sulle colline del Comune di Livorno, noto in particolare per la presenza sulla sua sommità del Santuario della Madonna di Montenero, patrona della Toscana. 

Oggi collegato al quartiere Ardenza, Montenero mantiene tuttora alcune caratteristiche tipiche dei piccoli borghi di campagna con numerose ville con piscina ed una splendida vista sulla città e la costa di Livorno. 

Sulle sue pendici sono stati ritrovati numerosi manufatti che testimoniano che questo colle era abitato già dall'età neolitica. 

Oggi chiamato Montenero, nell'antichità questo colle era detto Monte del Diavolo, per la presenza di un folto bosco che incuteva timore ai viaggiatori.
 
Si passava obbligatoriamente da Montenero se si intendeva scendere lungo la strada che da Livorno arrivava in Maremma passando per Rosignano Marittimo, ciò fino a quando nella prima metà del XIX secolo venne pontenziata e rettificata la vecchia e panoramica litoranea chiamata "Romito" .

L'espansione del quartiere Montenero fu possibile grazie alla realizzazione del Santuario mariano che venne ampliato a partire dal Settecento. 

Ad inizio del XVIII secolo Montenero divenne anche meta di villeggiatura con la costruzione di numerose ville-molte delle quali ancora presenti - tanto che Carlo Goldoni vi ambientò la commedia "Le smanie per la villeggiatura". 

Montenero fu residenza di numerosi personaggi importanti del mondo della cultura e del teatro come George Gordon Byron

Il colle avrebbe dovuto trovare la propria forte vocazione turistica con la realizzazione, ad inizio Novecento, di uno sfarzoso complesso di villeggiatura completato in realtà soltanto in parte con la costruzione in stile liberty di Villa Azzurra, ancora oggi visibile prima dell'arrivo nella Piazza di Montenero.

 
Caratteristica di Montenero è la presenza di una funicolare che, sempre ad inizio Novecento,  venne messa in funzione per collegare la parte bassa della località (anche detta Montenero Basso) e la sommità (Montenero Alto) con il suo Santuario

Da questi anni fino ad inizio degli anni trenta fu attiva anche la tranvia delle Pianacce, una particolare linea della rete tranviaria di Livorno.

Numerose furono le gare automobilistiche che ebbero luogo a Montenero, durante il periodo del Fascismo sotto Costanzo Ciano:  i migliori piloti del mondo gareggiarono e nel 1937 anche il Gran Premio d'Italia.
 
Lo stesso Ciano, alla sua morte, avrebbe dovuto essere sepolto in un mausoleo alle pendici della collina di Montenero, opera che fu interrotta con lo scoppio della II Guerra Mondiale. Oggi è visibile il Monumento a Ciano. 
 
Montenero è oggi méta di pellegrinaggio per numerosi fedeli e religiosi in visita al Santuario della Madonna delle Grazie 

Foto Gallery