menu EN
top_img

LE STELLE MARINE

Macchine della natura

 

Le stelle marine – Echinodermi che rientrano nella classe Asteroidea - sono una delle macchine della natura più affascinanti, da ammirare quando si muovono lentamente nel loro ambiente naturale. Nonostante la loro particolare bellezza e apparente delicatezza sono tra gli abitanti più voraci dei fondali marini.

 

 

Numerose sono le specie di stelle marine esistenti, alcune delle quali hanno colori accesi e sgargianti. Per questo motivo molti bagnanti e subacquei le raccolgono in tutto il mondo senza pensare al fatto che il loro colore cambierà notevolmente dopo la loro morte.

 

 

 

La maggior parte delle stelle marine ha tipicamente cinque raggi o braccia, che si diramano da un disco centrale. Molte specie però possiedono sei o più raggi. Molte specie appartenenti al gruppo degli Asteroidi come le Solasteridae, hanno tra 10 e 15 braccia, mentre altre specie, come l'antartico Labidiaster annulatus, ne possono avere fino a 50.

 

Alimentazione

 

Questo gruppo di organismi ha adottato un sistema molto particolare per nutrirsi. Infatti, quando le stelle marine trovano una preda la ricoprono ed estroflettono lo stomaco fino ad ingerire la preda per intero. 

Questo processo può richiedere molto tempo e quindi, facendo un pò attenzione, è anche facilmente osservabile durante lo snorkelling o in fase di immersione. 

Tra le loro prede vi sono i molluschi, i crostacei di piccole dimensioni e soprattutto le carcasse di organismi morti. 

 

Un sistema idraulico come locomozione

La locomozione di questi esemplari avviene attraverso un complicato sistema idraulico che pompa acqua attraverso le "braccia" dentro un fitto sistema di tubicini, detti "pedicelli ambulacrali" che, messi in "pressione" danno luogo al movimento dell'esemplare, lento ma continuativo.  

 

In questi ultimi anni, un vero e proprio flagello causato dalla pesca eccessiva delle aragoste si sta abbattendo sulle barriere coralline dell'Australia. Le aragoste svolgono un ruolo importante in quanto tenevano sotto controllo la popolazione di una specie "corallivora" - chiamata Stella corona di spine (Acanthaster plancii). Con la drastica diminuzione di aragoste, la stella ha subito una vera e propria esplosione demografica, causando così gravi danni alla barriera corallina. 

 

Numerose sono le stelle marine che possono essere ammirate nelle vasche espositive dell'Acquario di Livorno, in particolare nelle vasche "Le Perle del Mediterraneo"m dedicate alle bellezze dei nostri mari ed in alcune vasche della Gallaria Mediterranea. 


 

Torna su