menu EN
top_img

STORIA

Il contesto storico

L'Acquario di Livorno ha sede in una struttura dal forte valore storico, artistico e architettonico della città. Costruito nel 1937su progetto dell’Ingegnere Enrico Salvais con la collaborazione di Luigi Pastore, è stato distrutto durante la seconda guerra mondiale, successivamente riedificato e aperto al pubblico. Chiuso nel febbraio 1999, il 31 luglio 2010 riapre al pubblico con gestione da parte di Costa Edutainment dopo la fase di restauro iniziata nel 2007 a cura di Opera Laboratori Fiorentini.

 

La struttura è dedicata a Diacinto Cestoni, biologo del ’600 che compì numerosi e interessanti studi di carattere scientifico, con e senza l’ausilio del microscopio, applicando il metodo di indagine sperimentale e fu il primo a scoprire l’appartenenza dei coralli e delle spugne al mondo animale.

 

L’Acquario è situato sul Lungomare di Livorno accanto alla Terrazza Mascagni, una posizione privilegiata di forte impatto emotivo e scenografico, tanto da essere individuata come punta di diamante del litorale toscano e luogo di interesse turistico per l’intera Regione Toscana.

 

Il valore storico e artistico della struttura si intreccia con importanti caratteristiche del territorio su cui sorge: la Costa degli Etruschi, con un legame al tema dell’archeologia, l’arcipelago toscano e il Santuario dei Cetacei di cui questo tratto di costa fa parte, con un legame al tema del mare e della natura, la tradizione artistica della citta' che ha dato i natali tra gli altri a Mascagni e Modigliani, con un forte legame con l'arte.

Torna su