logo_acquario
menu Biglietti EN
top_img
Livorno 2

Il Mar Mediterraneo e la sua biodiversità

Acquario di Livorno Il Mar Mediterraneo e la sua biodiversità

31.03.2017

Sette milioni di anni fa non esisteva, mentre oggi occupa una superficie di 2,5 milioni di km quadrati. È il Mar Mediterraneo, culla della nostra civiltà e custode di uno degli ecosistemi più importanti al mondo.

 

Il clima caldo d’estate e mite d’inverno e la profondità delle acque hanno creato un ambiente ricco di biodiversità: nel Mediterraneo vivono tantissime specie, tra cui anche squali, balene e foche. Un ambiente che è stato perfettamente ricreato all’Acquario di Livorno, dove la visita inizia proprio con le perle del Mediterraneo.

 

Le perle del Mediterraneo

 

Entrando nella bellissima struttura dell’Acquario di Livorno - situata a fianco della suggestiva terrazza Mascagni - ci accolgono subito le 12 vasche del Mediterrano. Siamo nella Sala Diacinto Cestoni, dedicata al famoso biologo di adozione livornese a cui si devono importanti scoperte scientifiche.

 

Le 12 perle del Mediterraneo ci accompagnano in un viaggio alla scoperta della biodiversità del nostro mare e dei suoi fantastici colori. Qui vivono infatti pesci dai colori brillanti che non hanno niente da invidiare alle specie tropicali delle sale successive.

 

I protagonisti del Mare Nostrum

 

Vediamo ora i protagonisti del Mare Nostrum, come chiamavano i Romani il Mediterraneo. Iniziamo dal corallo rosso, specie endemica del Mediterraneo che nel Seicento il biologo Cestoni scoprì appartenere al mondo animale. Il suo colore rosso vivo ha purtroppo da sempre attratto l’uomo: il corallo veniva raccolto per la realizzazione di gioielli. Oggi fortunatamente la raccolta è limitata, per evitare l’estinzione della specie.

 

Sul fondo delle vasche vive anche il granchio melograno, un simpatico crostaceo dal colore rosa che potrai vedere uscire dalla sabbia per cacciare qualche mollusco. Se fai attenzione vedrai anche il polpo, mollusco tipico del Mediterraneo che ama nascondersi nella sabbia o tra le rocce, mimetizzandosi perfettamente con la superficie. Occhi aperti sul fondale quindi!

 

Le minacce

 

L’impatto dell’uomo è una seria minaccia per il nostro mare. L’inquinamento, la pesca non sostenibile, il sovrasfruttamento e l’introduzione di specie alloctone sta mettendo a rischio il patrimonio naturale del Mediterrano. La biodiversità sta progressivamente diminuendo ed è necessario fare qualcosa per evitare che la situazione peggiori.

 

Cosa possiamo fare? L’Acquario di Livorno si impegna nella tutela delle specie e degli habitat minacciati, promuovendo il progetto “Salva una specie in pericolo” e offrendo laboratori didattici - come “Un mare da salvare” - con l’intento di far capire ai più giovani i rischi che corre il pianeta blu e proporre soluzioni per salvarlo.

 

Preservare la biodiversità del nostro mare è importante: vieni all’Acquario di Livorno per scoprire quanta ricchezza c’è nel Mediterraneo e cosa possiamo fare per proteggerla.

Foto Gallery