logo_acquario
menu Biglietti EN
top_img

Punto Informativo dell'Osservatorio Toscano della Biodiversità

Acquario di Livorno, punto informativo dell'Osservatorio Toscano per la Biodiversità

Il progetto EcoSTRIM, cofinanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020, ha visto la cooperazione di Francia e Italia per la costruzione di una strategia territoriale transfrontaliera di sviluppo e promozione di attività turistiche e sportive sostenibili, dedicate all’ambiente marino e costiero, in particolare lungo le coste bagnate dalle acque del Santuario Pelagos.

Una delle finalità del progetto è quella di creare punti informativi turistici e ambientali, nei comuni facenti parte della carta di partenariato del Santuario. Tra questi, il Comune di Livorno, a seguito del Comitato di Pilotaggio del 25 gennaio 2019, ha fatto richiesta di poter istituire un Punto Informativo presso l’Acquario di Livorno, struttura da sempre impegnata nella sensibilizzazione ambientale, nonché centro di recupero e riabilitazione per tartarughe marine già all’interno della rete regionale dell’Osservatorio Toscano della Biodiversità, ente di riferimento per il progetto in quanto mette in relazione Ecostrim con Regione Toscana.

I Punti Informativi rappresentano un'interfaccia diretta tra l’Ente pubblico, i cittadini ed i turisti ed hanno inoltre il compito di dare all'utente un'informazione chiara e puntuale sulle bellezze culturali e paesaggistiche, sulle attività e sui servizi proposti dal territorio.

Nella fattispecie, i Punti Informativi hanno le seguenti finalità ed ambiti di applicazione:

- sensibilizzazione sulle risorse e ricchezze biologiche marine e costiere che caratterizzano il territorio;

- divulgazione dei risultati dei progetti realizzati in materia di biodiversità marina e turismo sostenibile con la collaborazione della Regione Toscana ed in particolare la divulgazione dei risultati del progetto transfrontaliero ECOStrim;

- supporto alla rete toscana di spiaggiamenti e avvistamenti delle specie target di cetacei, tartarughe marine ed elasmobranchi e promozione degli eco-label sviluppatisi sul territorio individuando e promuovendo i soggetti economici coinvolti;

- promozione di iniziative comuni di tipo divulgativo, in materia di ambiente marino in raccordo all'Osservatorio Toscano per la Biodiversità;

- scambio di pubblicazioni ufficiali, di rapporti tecnico-scientifici e informazioni sulle attività espletate negli ambiti di comune interesse, nonché sulle questioni di particolare interesse scientifico o tecnico;

- collaborazione nella definizione di partenariati in progetti finanziati dalla comunità nazionale (Ministeri, ISPRA, Regione Toscana, altri..) ed internazionale (Santuario Pelagos, Comunità Europea, Programma Interreg marittimo, LIFE, MED) anche ai fini della predisposizione e attuazione degli stessi;

- utilizzo dei dati raccolti ai fini della diffusione delle azioni di informazione, comunicazione ed educazione ambientale negli ambiti territoriali di competenza.

Alla luce di quanto detto si evince che la costituzione di una rete di Punti Informativi sul territorio costiero toscano, quali luoghi di presidio delle attività dell'Osservatorio Toscano per la Biodiversità, risulti essenziale per promuovere ed intensificare le attività mirate alla conoscenza in materia di biodiversità marina, dando così supporto al Santuario Pelagos ed alla rete toscana degli spiaggiamenti, per una sempre più sostenibile fruizione del mare e delle sue risorse, da parte di turisti e cittadini in genere.


Torna su